Ad Clicks : Ad Views :
img

In Sardegna sempre più over 50 al comando delle aziende

In Sardegna invecchia, oltre alla popolazione, anche il tessuto imprenditoriale.

Infatti, sono sempre meno i giovani, e sempre più gli over 50, che nell’Isola stanno al comando delle aziende.

Tra marzo 2013 e marzo 2018, ultimo periodo disponibile, il numero dei dirigenti d’impresa, ovvero chi detiene cariche di amministratore,  con più di 50 anni d’età è cresciuto di quasi 21 punti percentuali mentre, nello stesso periodo gli under 50 hanno subìto un decremento dell’11,6%.

Il quadro che emerge dall’elaborazione dell’Osservatorio per le PMI di Confartigianato Imprese Sardegna, che ha comparato i dati del 2013-2018 di UnionCamere-Infocamere, è allarmante: invecchia la popolazione, invecchia chi sta alla guida delle attività produttive.

“Purtroppo non è una sorpresa se osserviamo i dati anagrafici della popolazione – commenta Antonio Matztutzi, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna – si parla con preoccupazione, da oltre un decennio, di disoccupazione giovanile ma questi numeri ci ricordano che esiste anche un altro problema, in prospettiva ancora più insidioso: sempre più aziende sono, e saranno, guidate da persone “mature” e, innegabilmente, con “orizzonti di crescita” più limitati rispetto a quello che possono avere i più giovani”.

Alla fine dei marzo 2018, nell’Isola i capitani d’impresa under 50 erano 40.804 contro i 53.556 over 50, per un totale di 94.370, quota che nel quinquennio 2013-2018 è cresciuta di 4.169 unità.

In questo lasso di tempo, caratterizzato da una profonda e tangibile difficoltà nel passaggio di testimone per la continuità aziendale, si è ribaltato il rapporto tra la fasce d’età con gli amministratori over 50 diventati la maggioranza. I numeri, quindi, parlano sia del decremento dei 18-29enni, fascia anagrafica che ha perso 271 unità, sia dei 30 -49enni, calati di 5.082. Al contrario, quelli appartenenti all’età 50-69 anni sono cresciuti di 5.962 unità e gli over 70 di 3.560.

“Certo – continua Matzutzi – le statistiche sono influenzate anche dalle dinamiche della popolazione sarda, e italiana in generale, la cui età media aumenta per il calo demografico”. “Certamente “età” e “capacità imprenditoriali” non sono in assoluto fattori inversamente proporzionali – sottolinea il Presidente di Confartigianato Sardegna – sicuramente un over 50 può vantare esperienza e saggezza maturate con gli anni, ma un dirigente giovane è probabilmente più aperto al cambiamento ed all’innovazione, maggiormente propenso ad abbandonare la routine e sperimentare strade nuove per rilanciare ed attualizzare l’azienda”.

Guardando i settori produttivi, nei cinque anni considerati, il fenomeno dell’invecchiamento degli amministratori caratterizza tutte le attività, con incrementi di quasi il 30% nella classe 50-69 anni e superiori al 40% in quella degli over 70 nei due settori dell’alloggio e ristorazione e dei servizi alle imprese.

I comparti che, invece, fanno segnare un saldo positivo di ringiovanimento sono quelli dell’agricoltura, i servizi d’informazione e comunicazione, sanitario e assistenza sociale

“Nelle aziende “anziane” c’è un grande valore economico e di cultura produttiva che deve essere preservato e rilanciato dai giovani – continua il Presidente – ma ciò può avvenire solo sostenendo e facilitando il passaggio di testimone verso chi, erede del titolare o dipendente, vuole rilevare l’impresa”. “Per questo – rimarca Matzutzi – ribadiamo come, da parte del Governo, sia necessaria una attenzione particolare sul passaggio generazionale nelle attività produttive e quindi incentivi, investimenti e taglio della burocrazia”. “Di tutti questi aspetti, e nel modo specifico del passaggio di testimone tra genitori e figli – conclude il Presidente – abbiamo discusso recentemente con il nuovo Assessore Regionale all’Artigianato, Gianni Chessa, al quale abbiamo chiesto un impegno concreto per attuare il provvedimento che, nella Legge di Bilancio 2019 ha messo a disposizione ben 2 milioni di euro”.

Confartigianato Imprese Sardegna ricorda come la norma sul Passaggio Generazionale, più volte richiesta dagli artigiani sardi di Confartigianato, e approvata dal Consiglio nello scorso dicembre, consentirà ai giovani, attraverso voucher di un valore minimo di 15mila euro, di apprendere nuove conoscenze manageriali, di migliorare prodotti e servizi e di sviluppare maggiormente l’economia aziendale. Quindi, i giovani figli di artigiane e artigiani, collaboratori familiari o dipendenti da almeno 5 anni, che subentrano formalmente nell’attività, acquisiranno le necessarie competenze finalizzate allo start up delle propria esperienza aziendale. Potranno essere finanziate, tra le altre, le attività formative manageriali, la comunicazione innovativa, i servizi legati al commercio elettronico, l’internazionalizzazione, l’innovazione di processo, il controllo di gestione, il marketing e i percorsi di management aziendale.

This div height required for enabling the sticky sidebar